Google lancia Helpouts, una video-chat per mettersi in contatto con gli esperti

(ANSA) Dalla moda alla medicina passando per tecnologia, cucina, giardinaggio e fitness: Google Helpouts, la nuova piattaforma di Big G, punta a mettere gli internauti alle prese con dubbi di varia natura e problemi da risolvere in contatto con gli esperti più indicati. Si tratta di un servizio online di video-chat, in tempo reale, con ”tutor” che offrono consigli e dritte dall’altra parte dello schermo (gratis o a pagamento). Si basa su Hangouts, sistema di video-chat del social network Google+. Sul sito si sceglie il proprio consulente in base alle qualifiche, al prezzo, alla disponibilità di orario e alle recensioni di altri utenti. Si può ricevere aiuto da privati o da vere e proprie aziende – circa mille quelle contattate da Google – come Sephora o One Medical. I pagamenti – Google trattiene il 20% – avvengono con Google Wallet. L’idea, spiega il colosso di Mountain View sul suo blog, è quella di connettere gli utenti della rete, bisogna essere iscritti a Google+, con persone che possano aiutarli con problemi o esigenze. Dal tecnico di computer all’insegnante di yoga, oppure l’esperto di cucina e perfino il medico. In caso di consulenza medica (per ora solo negli Usa) Google effettua controlli e richiede certificazioni per garantire le credenziali del fornitore di servizio. (ANSA, 5 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast