La moglie di Jeff Bezos boccia il libro sulla nascita di Amazon: errori e inesattezze

(ANSA) ‘The Everything Store’, biografia del fondatore di Amazon Jeff Bezos pubblicata un mese fa, ‘bocciata’ dalla signora Bezos in persona. MacKenzie Bezos ha letto il volume che racconta gli esordi del colosso dell’e-commerce e ha lasciato online una lunga recensione proprio su Amazon.com – dove il libro è in vendita – assegnandogli un’unica stella (il gradimento più basso). La donna accusa l’autore, il giornalista del NYT e di Bloomberg Brad Stone, di aver commesso errori e scritto inesattezze. ”In ogni punto che posso verificare in base alla mia diretta conoscenza – scrive la signora Bezos, sposata da 20 anni con Jeff – trovo troppe inaccuratezze e purtroppo questo mette in dubbio ogni singolo episodio narrato nel libro”. Il volume, aggiunge, è anche pieno di ”tecniche” che forzano la realtà e danno come risultato ”un ritratto fuorviante del popolo e della cultura di Amazon”. Suo marito Jeff Bezos, sottolinea la donna, ”non è mai stato intervistato per questo libro” anche se gli vengono attribuiti pensieri e intenzioni come fossero di prima mano. (ANSA, 5 novembre 2013)

Bezos Jeff e la moglie MacKenzie (credit Ap Images, fonte Forbes.com)

Bezos Jeff e la moglie MacKenzie (credit Ap Images, fonte Forbes.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”