YouTube dichiara guerra ai troll con un nuovo sistema di commenti (VIDEO)

Nei commenti di YouTube regna il caos. È forse l’esempio peggiore di coinvolgimento degli utenti. Sulla piattaforma video di Google ci sono spesso volgarità e xenofobia. E la quantità di spam è altissima. La situazione però potrebbe cambiare già da questa settimana.

Come racconta il Guardian, Google sta lavorando a un nuovo sistema di gestione dei commenti: gli autori di un video potranno moderare o bloccare gli utenti. Inoltre potranno scegliere quali sono i contributi più rilevanti, da posizionare in cima alla lista. Inoltre un meccanismo selezionerà in automatico i commenti delle persone famose e degli utenti del social network Google+.

Tra i molti cambiamenti, spiegati sul blog ufficiale di YouTube, c’è la possibilità di stabilire quali parole censurare o di abilitare l’approvazione dei commenti prima della loro pubblicazione.
Non si tratta solo di un modo per contenere i troll, ovvero quegli utenti maleducati che inquinano le conversazioni sul web. Con questa mossa il colosso di Mountain View vuole integrare alcune funzionalità di Google+ in YouTube, come la possibilità di ‘menzionare’ gli utenti (come già avviene su Twitter e Facebook).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Lega Serie A, rinviato il voto sull’offerta di Sky per il pacchetto 2 dei diritti tv. Scaroni (Milan) si dimette da consigliere

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%.  Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Il valore dei brand italiani resiste alla pandemia e cresce dell’11%. Ranking BrandZ: Gucci in prima posizione, poi a Enel e Tim

Zuckerberg conferma stop social a Trump, se ne riparla tra 6 mesi. L’ira delll’ex presidente: vergogna assoluta, pagheranno

Zuckerberg conferma stop social a Trump, se ne riparla tra 6 mesi. L’ira delll’ex presidente: vergogna assoluta, pagheranno