Nasce la prima mostra fotografica social con Ogilvy and Mather e American Express

Il 4 Novembre è partito il concorso fotografico Viaggi che Amo, iniziativa promossa da Ogilvy and Mather e American Express che completa la campagna Nata per amare chi viaggia, realizzata da Ogilvy & Mather Italy per il lancio della nuova carta Italo American Express. I vincitori del concorso daranno poi vita alla prima mostra fotografica social, che si terrà nei primi mesi del 2014.

A tutti i viaggiatori viene chiesto  -si legge nel comunicato-  di raccontare attraverso una fotografia il proprio viaggio: i paesaggi, i particolari, le emozioni e il modo in cui sono stati coccolati a bordo dei treni Italo. Le foto andranno poi ad alimentare i canali dedicati all’operazione: il minisito www.viaggicheamo.it Facebook, e un wall all’interno di Casa Italo. Basterà registrarsi sul sito www.viaggicheamo.it compilando i campi indicati o utilizzando un Facebook Connect e inviare le foto all’indirizzo e-mail info@viaggicheamo.it o caricarle direttamente sul sito www.viaggicheamo.it

Al termine del concorso, il 20 dicembre 2013, i 27 scatti più belli verranno selezionati da una giuria di esperti,tra cui Denis Curti dell’agenzia Contrasto, e daranno vita a una vera e propria mostra fotografica, la primaalimentata socialmente, che si terrà nei primi mesi del 2014.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dall’iniziativa di sei imprenditrici nasce un coordinamento dedicato a marketing e HR per le imprese del Nordest

Dall’iniziativa di sei imprenditrici nasce un coordinamento dedicato a marketing e HR per le imprese del Nordest

‘Anna’, la nuova serie Sky di Niccolò Ammaniti, messaggio di speranza contro un virus

‘Anna’, la nuova serie Sky di Niccolò Ammaniti, messaggio di speranza contro un virus

Formiche.net lancia una newsletter settimanale per parlare di rivoluzione tecnologica e del nostro futuro

Formiche.net lancia una newsletter settimanale per parlare di rivoluzione tecnologica e del nostro futuro