Bazoli (Intesa Sanpaolo): “Dispiaciuto per la vendita dell’immobile di via Solferino”

(TM NEWS) Il presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli, che in quanto azionista di Rcs aveva espresso la propria contrarietà alla vendita della sede storica del Corriere della Sera di via Solferino, si è detto dispiaciuto per la decisione in tal senso presa dal Cda della holding editoriale. Ma questo non cambia la propria fiducia nell’attuale management di Rcs. “Mi dispiace”, ha dichiarato oggi Bazoli a proposito della cessione dell’immobile di via Solferino, aggiungendo che la scelta di venderlo non cambia il proprio supporto al management: “No, nel modo più assoluto”.

Bazoli ha ricordato di non far parte del board di Rcs e di non aver quindi partecipato alla riunione in cui è stata presa la decisione. “Io ho espresso al di fuori del Cda delle perplessità intorno alla vendita, non di tutto il complesso ma di via Solferino, perché il progetto iniziale prevedeva la vendita di via San Marco e non quella di via Solferino. Non sono rimasto in minoranza perché non ero parte del consiglio. Ma mi sono trovato tante volte in minoranza nei consigli senza farne un problema di fiducia alla gestione. Bisogna avere anche un po’ il concetto delle articolazioni delle opinioni”, ha dichiarato Bazoli a margine della presentazione della mostra “Wunderkammer”.

TM NEWS 14 novembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager