In Italia 37 milioni di smartphone, boom per i video online

(ANSA) A fine anno gli smartphone in Italia saranno 37 milioni, mentre il consumo di video online è in costante crescita (+19% da Pc e +30% da smartphone). Lo affermano gli ultimi dati degli Osservatori Ict del Politecnico di Milano e comScore resi noti oggi nel corso di ‘A-Day – Advertising Day: Display the future’, iniziativa organizzata a Firenze da Simply Adv e Spe del Gruppo Monrif, con il patrocinio di Fondazione Sistema Toscana. ”I dati presentati oggi sottolineano l’importanza di innovare i modelli di comunicazione e puntare su format creativi in grado di raggiungere un’audience sempre più connessa”, ha dichiarato Claudio Corbetta, Amministratore Delegato del Gruppo Dada. ”Non solo le grandi ma anche le piccole realtà – ha aggiunto – possono beneficiare di videobanner, tag mobile e annunci in mobilità per dare nuova visibilità al proprio business, perché a tal fine è strategico utilizzare strumenti in linea con i trend”. Secondo quanto emerso, il 44% usa lo smartphone mentre guarda la tv: il 29% svolge attività collegate al programma tv e il 12% cerca informazioni sui prodotti pubblicizzati. (ANSA, 14 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il retroscena degli attacchi minacciosi di Juve, Inter, Napoli, Atalanta,Lazio, Verona e Fiorentina  al presidente della Lega di serie A

Il retroscena degli attacchi minacciosi di Juve, Inter, Napoli, Atalanta,Lazio, Verona e Fiorentina al presidente della Lega di serie A

Hong Kong, il magnate dell’editoria Jimmy Lai condannato a 14 mesi di reclusione per il suo ruolo nelle manifestazioni pro-democrazia

Hong Kong, il magnate dell’editoria Jimmy Lai condannato a 14 mesi di reclusione per il suo ruolo nelle manifestazioni pro-democrazia

Periodici Rcs, il Cdr contro il piano di riorganizzazione con esuberi e cassa integrazione al 30%. Per i giornalisti è “inaccettabile”

Periodici Rcs, il Cdr contro il piano di riorganizzazione con esuberi e cassa integrazione al 30%. Per i giornalisti è “inaccettabile”