Nasce Bookrepublic Lagenzia, dedicata alle strategie di personal branding

Bookrepublic, libreria online indipendente che distribuzione di ebook di piccoli e medi editori, vara un nuovo progetto: Lagenzia, dedicata alla comunicazione editoriale.

Il progetto è nato dalla collaborazione di Marco Ferrario e Marco Ghezzi (pionieri dell’editoria digitale in Italia e fondatori della piattaforma Bookrepublic, della casa editrice digitale 40k e di EmmaBooks) con Paolo Spada, digital strategist per numerosi brand globali.

Marco Ghezzi e Marco Ferrario, cto e ceo di Bookrepublic

Dal comunicato stampa dell’azienda si apprende che la comunicazione di Lagenzia è basata sia sulla produzione di formati editoriali standard, come libri ed ebook sia sulla creazione di contenuti ad hoc, come biografie, blog o siti web e portali.

L’obiettivo di Lagenzia è dare “buone parole alle aziende”, per potersi raccontare in modo personale. I contenuti sono prodotti da autori affermati nel mondo della comunicazione come Franz Krauspenhaar, Luigi Carozzo, Simon Falvo, Gianni Montieri, Fernando Coratelli, Tatiana Carelli e Fabio Palombo.

Il progetto è nato dall’esigenza di superare le attuali forme di advertising con strategie di personal branding basate su racconti multimediali e influenzare così le decisioni dei consumatori.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali