Via libera all’Agenda Italia. Letta: “Unità del Paese attorno a Expo 2015”

(ANSA) “L’Expo riguarda tutto il Paese, è questo il senso profondo di Agenda Italia 2015 che abbiamo approvato oggi: dare un fortissimo messaggio dell’unità del Paese attorno all’Expo”. Lo ha spiegato il premier Enrico Letta al termine della riunione della Commissione di coordinamento per le attività connesse all’Expo a palazzo Chigi. “Agenda Italia, un piano di 60 azioni con tutti i ministeri coinvolti, verrà presentata giovedì a Milano ed è fondamentale”, ha spiegato Letta. L’Expo, ha spiegato Letta, ”sta svoltando l’attenzione mondiale”. Ma Letta ha messo soprattutto l’accento sul valore unitario dell’esposizione: “Per come siamo fatti noi italiani se l’Expo è di qualcuno o di uno solo lo sforzo sarà quello di remare contro e puntare all’insuccesso, è un vizio italico. Ma siamo riusciti a creare le condizioni perche l’Expo sia di tutti, di tutto il Paese”. Il premier ha sottolineato “l’impegno che ci ha messo il presidente della Repubblica in tutti i passaggi, è la dimostrazione di questo impegno collettivo che ci stiamo prendendo”. Nella riunione del Coem, ha sempre detto Letta, è stato fatto il punto anche sulle infrastrutture sui finanziamenti: ”Le cose vanno avanti, saremo in grado di superare le criticità”. (ANSA, 15 novembre 2013)

Enrico Letta (foto Olycom)

Enrico Letta (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale