Rughetti (Pd): “E’ opportuna una regolazione giuridica per garantire la trasparenza del web”

(ITALPRESS) “Il finanziamento pubblico dell’editoria esiste in forme diverse in tutto il mondo, compresi i Paesi piu’ liberali. E riguardo all’entita’ di risorse stanziate l’Italia resta fanalino di coda in Europa”. Lo afferma Angelo Rughetti, deputato del Pd, a formiche.net, in merito al finanziamento pubblico diretto ed indiretto all’editoria. “Nel nostro Paese, prosegue Rughetti, il vero problema era costituito dall’ingiusta e arbitraria ripartizione dei fondi statali agli organi di partito, cooperative e fondazioni, che ha finito per premiare l’opportunismo, la slealta’, la relazione con il potere nell’accesso ai contributi da parte di gruppi spregiudicati e di testate prive di mercato – aggiunge -. Un’anomalia relegata al passato, visto che la riforma dell’editoria del 2012 ha reso rigidi e selettivi i criteri di accesso ai contributi al punto che oggi i giornali politici beneficiari dei sussidi pubblici sono 11 su 200, il 5 per cento del totale, in base ai parametri stringenti sul numero di copie vendute e sulla presenza di almeno 5 lavoratori dipendenti in redazione. Regole che hanno consentito l’espulsione delle testate border line”. Rughetti rivendica la bonta’ delle agevolazioni fiscali, ritiene che “premino e incoraggino le attivita’ giornalistiche che funzionano, con piu’ efficacia rispetto ai contributi diretti. E cio’ puo’ rivelarsi valido per gli stessi quotidiani elettronici”. A una condizione: “Poiche’ l’informazione e’ un bene pubblico, reputo opportuna una regolazione giuridica per garantire trasparenza e autonomia di chi lavora nel Web”. “Va capitalizzata meglio la produzione delle notizie via web, che vengono rilanciate continuamente sui motori di ricerca a titolo gratuito. Come ricette praticabili come in Francia, dove Google offre donazioni e incentivi di 60 milioni di euro l’anno per le start-up giornalistiche. E soprattutto in Germania, in cui tutti i motori di ricerca intrecciano con i fornitori di informazione un rapporto commerciale di remunerazione in cambio dell’accesso alle news”. Piu’ radicale la sua valutazione sulla pubblicita’ istituzionale degli enti locali sui giornali cartacei: “Risponde a norme arcaiche che vanno rimosse, chiude l’onorevole, bisognerebbe subito trasferire le comunicazioni della loro attivita’ sui siti ufficiali, senza sprecare carta e risorse preziose. Salvaguardando soltanto l’informazione mirata per fasce e territori che non vengono raggiunti in modo adeguato dalla Rete”.

ITALPRESS 15 novembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 AUDIWEB WEEK 14-20 settembre. I femminili tra i brand che crescono di più; Leggo e Il Giornale tra i quotidiani

TOP 100 AUDIWEB WEEK 14-20 settembre. I femminili tra i brand che crescono di più; Leggo e Il Giornale tra i quotidiani

Sadoun ai dipendenti Publicis: “Torneremo in ufficio. Dallo smart working, abbiamo imparato tutto quello che c’era da imparare…”

Sadoun ai dipendenti Publicis: “Torneremo in ufficio. Dallo smart working, abbiamo imparato tutto quello che c’era da imparare…”

Comunicazione d’impresa strategica in tempi Coronavirus. Incletolli (Ascai): è vaccino “umano” contro epidemia

Comunicazione d’impresa strategica in tempi Coronavirus. Incletolli (Ascai): è vaccino “umano” contro epidemia