Google lancia la sua carta di debito prepagata

(ANSA) Google Wallet, il ”borsellino” elettronico di Big G che negli Stati Uniti consente di fare acquisti con il proprio smartphone grazie a un’applicazione dedicata, ora avrà anche una carta di debito prepagata, fisica, con cui effettuare pagamenti nei negozi e prelevare contanti dagli sportelli Atm. Lo ha annunciato il colosso di Mountain View sul suo blog sottolineando che la carta può essere ordinata gratis e non prevede alcun canone. La carta, disponibile al momento solo negli Usa, permette agli utenti di Google Wallet di accedere ai soldi che sono sul proprio account e potrà essere usata in ”milioni di luoghi” che accettano carte del circuito MasterCard nonché presso gli sportelli Atm. Nessun canone annuale o mensile sarà addebitato. In questo modo Google punta ad incrementare il numero di utenti di Wallet. Secondo un rapporto pubblicato all’inizio di quest’anno da Businessweek, Google avrebbe infatti speso intorno ai 300 milioni di dollari per lo sviluppo del servizio senza però che Wallet raggiungesse la popolarità di altri come Gmail o YouTube. In quanto a privacy è un’altra novità alla quale gli utenti dovranno fare attenzione. Secondo quanto riferito da un portavoce di Google a Reuters, i dati relativi alle transazioni con la carta (la descrizione dei beni acquistati, l’ammontare delle transazioni e i dati del venditore) saranno immagazzinati nel profilo interno dell’utente per Google, che può essere usato per indirizzare la pubblicità. (ANSA, 21 novembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech