La rivista americana Forbes è in vendita?

Fa scalpore l’indiscrezione che parla di una possibile vendita di Forbes, la celebre rivista finanziaria che ogni anno stila la classifica degli uomini più ricchi del mondo.

Mike Perlis, ceo di Forbes (foto Adweek.com)

Mike Perlis, ceo di Forbes (foto Adweek.com)

Indicata da molti come uno dei pochi esempi positivi di passaggio al digitale di un brand storico della carta stampata, la rivista è da sempre all’avanguardia nel campo del native advertising e da ormai tre anni svolge un ruolo da leader nell’innovazione nel mondo dell’editoria in un momento storico di transizione.

E’ lo stesso ceo di Forbes, Mike Perlis, a dare la notizia, ammettendo che la società ha ricevuto diverse offerte, con Deutsche Bank che sarebbe già al lavoro per trovare un compratore. Pare che la valutazione della rivista della famiglia Forbes per un’eventuale vendita si attesti sui 400 milioni di dollari, anche se alcune fonti finanziarie ritengono realistico un prezzo intorno ai 200 milioni.

La società più vicina a intavolare una trattativa pare essere Time Inc., che pubblica più di 100 riviste, la più nota delle quali è Time.

Clicca qui per un approfondimento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Accordo tra Promopress (Fieg) e Data Stampa per la remunerazione degli articoli di giornali nelle rassegne stampa. Coperto il 90% del mercato

Accordo tra Promopress (Fieg) e Data Stampa per la remunerazione degli articoli di giornali nelle rassegne stampa. Coperto il 90% del mercato

Google apre a Dublino centro Ue contro contenuti illegali online. Obiettivo: offrire alle autorità più trasparenza sull’attività di moderazione

Google apre a Dublino centro Ue contro contenuti illegali online. Obiettivo: offrire alle autorità più trasparenza sull’attività di moderazione

Termini per il “ricongiungimento” riaperti e partecipazione allargata ai corsi in streaming. Sono i nuovi provvedimenti del Cnog

Termini per il “ricongiungimento” riaperti e partecipazione allargata ai corsi in streaming. Sono i nuovi provvedimenti del Cnog