SPECIALE 40 ANNI di Prima

Per i suoi 40 anni, Prima ripercorre la storia di questi quattro decenni, fondamentali per trasformazioni e cambiamenti nel mondo della comunicazione e dei quali il giornale è stato cronista e testimone, con un numero da collezione in edicola e su tablet.

Sono anni segnati da grandi storie, da battaglie editoriali e politiche e da trasformazioni tecnologiche che nemmeno il più avventuroso dei futurologi sarebbe stato in grado di immaginare. Prima ha scelto per ogni anno la storia più significativa e le notizie principali, oltre 3.500 in un numero di 514 pagine.

È un lavoro che permette di avere una visione generale anche del contesto politico ed economico in cui si è sviluppata la comunicazione in Italia: un quadro da cui esce strabordante l’influenza sull’editoria dei grandi imprenditori e dei partiti politici.
Il numero speciale di Prima non si limita però al passato. Per capire a che punto siamo e dove stiamo andando, ecco le testimonianze e le interviste di protagonisti del mondo dei media e dell’editoria come Lucia Annunziata (Giornalismo), Giampaolo Grandi (Editoria), Paolo Ainio (Internet), Stefano Mauri (Libri), Vittorio Bruno (Papi e media), Claudio Cecchetto (Radio); della politica come Walter Veltroni (Televisione), o del business come Francesco Micheli (Economia e informazione), Luca Cordero di Montezemolo (Sport e comunicazione), Lorenzo Sassoli de Bianchi (Pubblicità), Giovanni Perosino (Dietro il brand), Toni Muzi Falconi (Relazioni pubbliche), Cesare Sironi (Tecnologia). E poi i feroci opinionisti di Prima, Smile e Fashion victims, e collaboratori come Emilio Pucci (Economia dei media), Alessandro Araimo (Industria dei media), Mario Abis e Giuliano Noci (Convergenza e democrazia) che con dati, analisi e cifre cercano di illuminare la scena non facile degli anni a venire.

Dalla parte ancora cartacea degli archivi fotografici di Prima Comunicazione sono emerse immagini uniche dei protagonisti e dei luoghi di un’epoca, tra gli anni Settanta e i Novanta, in cui la carta stampata e la televisione erano i media dominanti e non si sentiva ancora parlare di Internet e della Rete. Sul numero speciale ne sono state pubblicate più di 200 per raccontare ‘Come eravamo’, con le tipografie a piombo, le macchine da scrivere, belle giornaliste con i capelli boccolosi, imprenditori e manager in carriera con gli sguardi vispi, le facce lisce e non segnate dalle rughe da stress di potere.

Clicca qui per scoprire i protagonisti e i contenuti del numero speciale di Prima Comunicazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto