Al via ‘Più libri più liberi’, la fiera nazionale della piccola e media editoria

Si indaga su politiche e prezzo dei libri a ‘Più libri più liberi’, la fiera nazionale della piccola e media editoria in programma dal 5 all’8 dicembre al Palazzo dei Congressi dell’Eur nell’ambito dell’incontro ‘Il pricing è giusto? Prezzi digitali, istruzioni per l’uso’, a cura dell’Associazione Italiana Editori (Aie) in collaborazione con Simon Kucher & Partners e Ie-Informazioni editoriali (venerdì 6 dicembre, ore 12, Sala Rubino). Intervengono Alessandro Maggioni (Simon Kucher & Partners) e Simonetta Pillon (Ie- Informazioni editoriali), moderati da Cristina Mussinelli (consulente editoria digitale Aie).

Tra i principali argomenti del dibattito: come hanno influenzato, in questi anni, le politiche di prezzo complessive degli editori, l’effetto congiunto della crescita dell’offerta di titoli e-book con prezzi più bassi (in media 55-56% in meno, nonostante i diversi regimi Iva) e l’alleggerirsi del carrello della spesa. Il prezzo medio di copertina (alla produzione e senza lo scolastico) dei libri pubblicati dalle case editrici italiane era nel 2010 di 21,81 euro. Tre anni dopo (2012) lo troviamo sceso a 20,09 euro (-7,9%). Quello degli e-book, nello stesso arco di tempo, è passato da 9,44 euro (Iva al 20% compresa) a 8,73 euro (Iva passata da ottobre 2011 al 21%). E’ qualcosa come il -8,4% (al netto dell’Iva).

Sullo sfondo resta quindi la necessità di armonizzare i regimi Iva tra i libri letti sulla carta e su device digitale (e-book reader o tablet che siano). Senza dimenticare che il contenimento dei prezzi di copertina attuato in questi anni si configura come una delle più importanti campagne a sostegno della lettura. A settembre 2013 (rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente) a fronte di un calo della spesa del pubblico dei lettori nei canali trade del -5,4% corrisponde un -1% nelle copie vendute.

Tutto questo ha effetti, in tempi di crisi, sulla filiera editoriale, che si reinventa, si riorganizza, esplora strade nuove. E’ dedicato proprio a ‘Nuove iniziative per tempi difficili’ il convegno organizzato da Aie per venerdì 6 dicembre, alle 14, nella Sala Rubino. Anche in questi anni di difficoltà la piccola editoria ha continuato infatti a sviluppare diverse iniziative di promozione della lettura per porre in evidenza la propria produzione. Intervengono su questo Marco Zapparoli (Letteratura rinnovabile), Pietro Biancardi (Iperborea) e Daniele di Gennaro (Minimum Fax – media), moderati da Giovanni Peresson (Ufficio studi Aie).

Raccontano la loro esperienza anche ‘Piccoli editori per nuovi shop’, nell’incontro di venerdì 6 dicembre, alle 15, nella Sala Rubino. Storie di piccoli editori che in questi anni hanno aperto e gestiscono una loro libreria. In questo caso intervengono Rosaria Punzi (Lapis), Pietro Corraini (Libreria 121 Corraini, Milano) e Emanuele di Giorgi (Temporary shop Tunuè), moderati sempre da Giovanni Peresson (Ufficio studi Aie).

Il 7 dicembre il focus è posto invece sull’e-commerce dei libri cartacei, che pesano quattro volte più del 2008. Allora la vendita di libri attraverso gli store on line valeva qualcosa come il 3,3% (dati Aie) delle vendite nei canali trade (librerie indipendenti e di catena, banchi libri della grande distribuzione). Oggi quel valore rappresenta il 12,2% del mercato di varia (adulti e ragazzi) negli stessi canali. Ed è anche l’unico canale che cresce (+3,8% nel periodo che va da gennaio 2013 a settembre 2013 rispetto al periodo corrispondente dell’anno precedente).

Terminati quindi un iniziale periodo di apprendimento (come si cerca e come si compra) e la diffidenza verso le forme di pagamento elettronico, i lettori hanno iniziato ad apprezzare i servizi che le librerie on line mettono loro a disposizione, ovvero non più solo la possibilità di avere a disposizione un catalogo di 731mila titoli italiani, ma anche libri stranieri, musica e cinema (e i device per gli e-book), forme e tempi di consegna, oltre all’opportunità di condividere letture e pareri e di comprare in mobilità dal tablet. A questo tema è dedicato l’incontro ‘Quando l’on-line vale il 12%’, in programma per sabato 7 dicembre, alle 11 nella Sala Rubino del Palazzo dei Congressi dell’Eur.

In questo scenario, nonostante l’Italia abbia tra i grandi mercati il più basso indice di uso del web e di pratica dell’e-commerce, presentare e mostrare il libro online non è come farlo nei canali fisici: vanno ripensate le forme di comunicazione e di passaparola, le copertine si francobolizzano, diventano importanti i metadati (in altre parole la qualità di quelle informazioni che permettono appunto di trovare i libri sulla rete e agli store di collegare i titoli tra loro).

Proprio ai metadati è dedicato il workshop successivo, ‘Migliorare i propri metadati in 5 mosse’, previsto sempre nella giornata di sabato, alle 12 in Sala Rubino, a cui partecipano Simonetta Pillon (Ie-Informazioni editoriali) e Cristina Mussinelli (Aie). Visto che ai libri si arriva sempre più attraverso motori di ricerca e librerie on line, mettere la copertina, l’abstact del libro, e collegarla a recensioni migliora la vendibilità di un titolo di circa il 70%: anche questa è una strada per migliorare le proprie performance economiche ed essere più efficaci sulla rete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 VIDEOCREATOR DI AGOSTO. Benedetta Rossi regna in cucina, i Me contro Te fanno i babysitter, Gli Autogol divertono i tifosi

TOP 15 VIDEOCREATOR DI AGOSTO. Benedetta Rossi regna in cucina, i Me contro Te fanno i babysitter, Gli Autogol divertono i tifosi

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio