Da Google a Facebook, due milioni di password rubate nel mondo

(ANSA) Oltre due milioni di password rubate da hacker ad utenti, fra gli altri, di Google, Yahoo!, Facebook e Twitter: è il ”bottino” scoperto da esperti di sicurezza informatica, come riporta l’edizione online di Bbc, mentre investigavano su una botnet (le reti di pc ‘zombie’ usate per sferrare cyber-attacchi). Colpiti internauti di tutto il mondo ma in particolare di Usa, Germania, Singapore e Thailandia. La scoperta è dei ricercatori degli SpiderLabs di Trustwave. Gli esperti sospettano che i dati siano stati rubati da computer ”infetti” da programmi ‘dannosi’ in grado di ‘carpire’ le parole chiave ‘registrando’ la pressione dei tasti sulla tastiera da parte degli utenti. Non si sa quanto vecchi siano questi dati ma i ricercatori mettono in guardia dai rischi che possono comunque derivare anche da informazioni digitali datate. Soprattutto considerando, spiega il ricercatore Graham Cluley, ”che circa il 30-40% delle persone usa le stesse password per diversi siti”. Inoltre una delle password ancora più diffuse fra gli internauti, ovvero la ”123456”, malgrado il buonsenso e gli avvertimenti di schiere di esperti, è stata trovata oltre 15mila volte nel database di dati rubati. L’archivio delle password era custodito in un sito scritto in russo che offriva oltre 318mila credenziali solo per Facebook. Fra gli altri citava anche Google, Yahoo!, Twitter e Linkedin. Facebook e Twitter, riporta Reuters, hanno fatto sapere di aver già provveduto a resettare le password degli utenti coinvolti, Google non ha commentato la notizia, Yahoo non ha ancora risposto.(ANSA, 5 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Google pronta a bloccare i propri servizi in Australia se dovrà pagare i media per i loro contenuti. Il Governo: Non ci pieghiamo a minacce

Google pronta a bloccare i propri servizi in Australia se dovrà pagare i media per i loro contenuti. Il Governo: Non ci pieghiamo a minacce

Sorpasso storico nella pubblicità. Dati Nielsen: nei primi 11 mesi la raccolta web batte la televisione

Sorpasso storico nella pubblicità. Dati Nielsen: nei primi 11 mesi la raccolta web batte la televisione