I colossi di internet chiedono agli USA una legge antispionaggio

(TMNEWS) Otto colossi americani delle nuove tecnologie hanno pubblicato oggi una lettera aperta al presidente degli Stati Uniti Barack Obama per chiedere “una riforma delle pratiche di sorveglianza” degli Stati Uniti, dopo le rivelazioni dell’ex consulente della Nsa, Edward Snowden.

“Le rivelazioni hanno messo in evidenza la necessità urgente di riformare le pratiche di sorveglianza dei governi su scala mondiale”, hanno scritto Aol, Apple, Facebook, Google, LinkedIn, Microsoft, Yahoo! e Twitter.

“L’equilibrio, in molti paesi, è eccessivamente a favore dello Stato e a discapito dei diritti degli individui, diritti che sono sanciti dalla nostra Costituzione. Questo mina la libertà di cui godiamo. È il momento per un cambiamento”, hanno aggiunto le otto aziende.

Gli otto firmatari “esortano gli Stati Uniti a prendere l’iniziativa e a intraprendere riforme perché gli sforzi per la sorveglianza da parte del governo siano chiaramente inquadrati dalla legge, siano commisurati ai rischi, trasparenti e soggetti a un controllo indipendente”.

“Le recenti rivelazioni circa le attività di sorveglianza dei governi hanno scosso la fiducia dei nostri utenti”, ha affermato l’amministratore delegato di Yahoo!, Marissa Mayer. “È tempo per il governo degli Stati Uniti di ripristinare la fiducia dei nostri utenti, ed è tempo per il governo degli Stati Uniti di intervenire per ripristinare la fiducia dei cittadini nel mondo”. (TMNEWS, 9 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale