‘Essere Smart’ è il tema di State of the Net 2014

(ANSA) “Come essere Smart. Davvero” è il tema dell’edizione 2014 di “State of the Net”, la conferenza sullo stato di Internet in Italia, in programma a Trieste il 12, 13 e 14 giugno 2014. La conferenza, giunta alla IV edizione, mette al centro l’aspetto culturale della rivoluzione digitale e analizza con i migliori esperti internazionali le implicazioni della rete nella società e nell’economia, come annunciato oggi a Trieste. “Sentiamo troppo spesso – dicono gli organizzatori Beniamino Pagliaro, Paolo Valdemarin e Sergio Maistrello – parlare di smart city, smart community, dei nostri inseparabili smartphone, mobilità, politica e perfino smart-food. Vogliamo estendere il concetto a tutta la società, mentre attraversiamo la più grande e spaventosa trasformazione dall’industrializzazione. Ci deve essere – continuano i fondatori di State of the Net – un modo differente di pensare, di fare le cose, di essere più efficienti. Prima ce ne accorgiamo, meglio sarà”. Il programma di “State of the Net” sarà presentato nei prossimi mesi, grazie al lavoro con il comitato promotore e i partner della conferenza, che ha un sito web rinnovato (www.sotn.it). (ANSA, 11 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Superlega. Ceferin (Uefa): il calcio non è proprietà di nessuno, appartiene a tutti e ha bisogno di squadre come l’Atalanta

Superlega. Ceferin (Uefa): il calcio non è proprietà di nessuno, appartiene a tutti e ha bisogno di squadre come l’Atalanta

Laghrari, segretario generale nuova Superlega: pronti a partire in 5 mesi con un campionato che faccia sognare; disponibili a dialogo con Uefa

Laghrari, segretario generale nuova Superlega: pronti a partire in 5 mesi con un campionato che faccia sognare; disponibili a dialogo con Uefa

Cinema. Anac sui nuovi vertici di Cinecittà che gestiranno 300 milioni del Recovery: investire in progettazione di film e formazione

Cinema. Anac sui nuovi vertici di Cinecittà che gestiranno 300 milioni del Recovery: investire in progettazione di film e formazione