Google Glass in sala operatoria, un aiuto per i chirurghi

(ANSA) Il primo intervento in cui un chirurgo ha utilizzato i Google Glass e’ dello scorso novembre, alla Uab, University of Alabama in Birmingham, per un intervento su una spalla, ma l’utilizzo dei ”google-occhialini” si sta diffondendo nelle sale operatorie. La possibilita’ di ”guidare” il chirurgo anche a distanza ”vedendo” quello che un altro sta facendo e’ un aiuto importante, come anche il poter avere sempre sotto controllo tutti i parametri vitali del paziente. Innovazioni tanto importanti quanto utili al punto che è nata una azienda specializzata nel far visualizzare sempre più dati durante gli interventi senza che il chirurgo distolga lo sguardo. Lo spiega il blog Singularity Hub, secondo cui tutti i principali ospedali Usa stanno sperimentando il dispositivo. L’azienda, nata dall’università di Stanford, si chiama VitalMedicals, e ha già realizzato una app che invia agli occhiali i parametri vitali del paziente, compresi gli allarmi in caso di valori preoccupanti. Il prossimo passo sarà permettere al chirurgo di visualizzare con i comandi vocali le immagini di radiografie e altri test preoperatori, insieme a quelle degli strumenti che già ora guidano le sue mani, come fluoroscopi, ultrasuoni ed ecografie. Poter tenere sotto controllo e richiamare tutti questi dati senza usare le mani, evitando quindi anche che vengano a contatto con superfici potenzialmente poco pulite, sarà di grande aiuto, spiega Pierre Theodore, il chirurgo cardiotoracico dell’università di San Francisco che tra i primi ha portato i Glass in una sala operatoria. ”Avere i dati in un formato conveniente e sempre presente – spiega – può portare a più efficienza e a prendere decisioni migliori quando si ha poco tempo a disposizione”. Prima di avere una diffusione su larga scala del sistema,spiega l’esperto, devono essere risolti alcuni problemi tecnici. Il primo riguarda anche in questo caso la privacy, con test e immagini che non devono far risalire all’identità del paziente. Inoltre il dispositivo va protetto da eventuali hacker, e il collegamento wifi deve essere reso sicuro e non interferire con le altre apparecchiature della sala operatoria. (ANSA, 12 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 VIDEOCREATOR DI AGOSTO. Benedetta Rossi regna in cucina, i Me contro Te fanno i babysitter, Gli Autogol divertono i tifosi

TOP 15 VIDEOCREATOR DI AGOSTO. Benedetta Rossi regna in cucina, i Me contro Te fanno i babysitter, Gli Autogol divertono i tifosi

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Giovanni Ciarlariello via da Sky Italia. Lascia l’incarico di chief media, digital and data officer

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio

Rete unica, Vestager: importante è indipendenza del gestore. Valutare se ci sono legami con venditori al dettaglio