Ricerca Netcomm: sempre più italiani si affidano a internet per i regali di Natale

(TMNEWS) Oltre sette milioni di persone quest`anno compreranno almeno un regalo di Natale sul web: quasi due milioni di acquirenti in più dell`anno scorso. E’ quanto emerge da una ricerca condotta da Netcomm, il consorzio del commercio elettronico italiano, in collaborazione con Human Highway.

Tra gli acquirenti online abituali, coloro che compreranno i propri regali di Natale su internet salgono dal 37% del 2011 al 50%

Roberto Liscia, presidente Netcomm

Roberto Liscia, presidente Netcomm

del 2013 (passando dal 44% del 2012): oltre 7 milioni di persone, 1 milione e 800mila in più rispetto al 2012. Inoltre, il 20% degli intenzionati ad acquistare almeno un regalo di Natale online dichiara che li acquisterà tutti o in maggioranza attraverso internet.

La stagione natalizia 2013 è quindi destinata a registrare un incremento della spesa online rispetto ai dati rilevati nel 2012: saranno ampiamente superati i due miliardi di euro di acquisti negli ultimi due mesi dell`anno, con un incremento del 20/25% rispetto all`anno scorso. La ricerca ha analizzato la propensione all`acquisto online su un campione formato da uomini e donne di età superiore ai 18 anni residenti su tutto il territorio nazionale e rappresentativi della popolazione italiana che si connette alla Rete con regolarità almeno una volta alla settimana. (TMNEWS, 17 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast