Spiati messaggi privati fra i reali inglesi William e Kate

(AGI/REUTERS) I telefoni dei reali inglesi sono stati spiati dal News of the world, il tabloid di Rupert Murdoch. A svelarlo il procuratore Andrew Edis, della Old Bailey Criminal Court di Londra, durante un udienza del processo sulle intercettazioni telefoniche illegali. Il giudice ha affermato che, fra le telefonate spiate, ci sarebbero anche dei messaggi vocali che il principe William mandava alla sua allora fidanzata Kate. Le trascrizioni delle intercettazioni sono state ritrovate nell’appartamento del corrispondente reale Clive Godamn e in quello dell’investigatore privato Gleen Mulcaire. Nei messaggi, il secondo in linea di successione al trono inglese, chiamava la sua futura moglie “Babykins”, “mia piccolina”, e gli raccontava le sue avventura durante l’addestramento militare a Sandhurst. La corte ha anche ascoltato alcuni estratti di un messaggio lasciato sul telefono del principe Harry, in cui un uomo si fingeva la sua fidanzata, Chelsy Davy, e lo chiamava “ginger”, riferendosi al suo colore di capelli. Nell’agosto del 2006 Godman e Mulcaire furono arrestati e successivamente accusati di aver ‘hackerato’ i telefono di alcuni dipendenti di Buckingham Palace accedendo alle loro caselle vocali di posta. Nel gennaio del 2007, i due imputati si sono dichiarati colpevoli e sono stati e condannati rispettivamente a 4 e 6 mesi di reclusione. Mulcaire e’ stato anche dichiarato colpevole di altre intercettazioni, e altri tre giornalisti hanno ammesso di aver spiato alcuni telefonini. (AGI/REUTERS, 19 dicembre 2013)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia