Travaglio non diffamò Petruni: la Corte d'Appello ribalta la sentenza del Tribunale di Roma

Condividi

(ANSA) La Corte d’Appello di Roma ribalta la sentenza del Tribunale di Roma nella querelle processuale tra Marco Travaglio e la giornalista Susanna Petruni. Travaglio – in un articolo per l’Unità – aveva criticato il servizio del Tg1 (2 luglio 2003) dal quale era scomparso l’audio dello scontro verbale tra Berlusconi e il parlamentare socialista Martin Schulz definito ‘kapò’ dall’allora premier italiano. Travaglio aveva commentato che – per questa mancanza – ”la giornalista sarebbe stata promossa a conduttrice quale fedele suddita alla corte di Minum”’. Il Tribunale di Roma al quale si era rivolta la Petruni condannava Travaglio e il direttore dell’Unità Padellaro a pagare diecimila euro di risarcimento. Adesso è stato invece accolto l’appello di Travaglio e Padellaro, perché l’articolo incriminato esercitava ‘il diritto di cronaca giornalistica nel rispetto della verità”. La Corte ha dunque rigettato le domande della Petruni e compensato interamente le spese di lite del doppio grado tra le parti. (ANSA, 13 febbraio 2014)

Marco Travaglio (foto Olycom)
Marco Travaglio (foto Olycom)