I francescani propongono a Facebook di aggiungere il “mi è utile”

(TMNews) Perché non rafforzare il “mi piace” con “mi è utile” per segnalare e far propri certi contenuti della rete – articoli, video, foto – sottolineandone l’importanza agli amici con i quali si e’ in contatto?. La proposta viene avanzata dal direttore del sito sanfrancesco.org – emanazione del Sacro convento di Assisi – padre Enzo Fortunato, direttamente al patron di Facebook, Mark Zuckerberg. “Il “mi piace” – ha fatto osservare padre Fortunato sul sito SanFrancesco.org – esprime, certamente, già una adesione convinta a un contenuto della rete. Il “mi è utile” o mi giova” la rafforza, indicandone il valore che ha ai fini della conoscenza e della formazione”.
La proposta, fatta anche come provocazione, nasce dalla constatazione dell’importanza crescente che i social network stanno assumendo nella vita di ognuno e in particolare delle giovani generazioni. “Ed è anche un modo per responsabilizzare un pò tutti: il “mi è utile” vuol dire un “ci è utile”, ci serve, ci aiuta” – ha sottolineato il padre francescano- e ci fa crescere umanamente, socialmente e per chi crede anche spiritualmente”. Insomma, “dobbiamo tener presente che tutto ciò che ci piace non giova come ad esempio il ‘ladro modello’:il suo stile non giova di certo”. (TmNews, 27 giugno 2014)

Padre Enzo Fortunato

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti