Apple sotto accusa: anche l’Fbi indaga sullo scandalo delle foto rubate alle star

(TMNews)  Scende in campo anche l’Fbi per indagare sulle foto osé che hanno invaso il web dopo la violazione da parte di un hacker della nuvola di Apple. Allo stesso tempo è stata aperta anche una indagine interna al colosso di Cupertino per capire come sia stato possibile violare la privacy dell’iCloud. Sotto accusa l’applicazione “Find My iPhone”.
L’attrice più colpita è stata Jennifer Lawrence che, attraverso i suoi legali, ha minacciato azioni nei confronti di chiunque posti le fotografie su internet. A seguire anche Kirsten Dunst si è infuriata su Twitter contro l’azienda americana. “Grazie iCloud”, ha scritto accompagnando il tweet con immagini di pizza e di sterco.

Il portavoce di Apple Nat Kerris a dichiarato a Bloomberg: “Prendiamo molto sul serio la riservatezza dei dati dei nostri clienti e stiamo investigando sul caso”. L’accusa è di “violazione informatica e rilascio illegale di materiale che coinvolge individui di alto profilo”. Intanto i legali di Kate Upton intendono “fare causa a chiunque duplicherà o diffonderà gli scatti illegalmente postati in rete”. Ariana Grande e Victoria Justice hanno detto che le loro foto sono dei falsi. (TmNews, 2 settembre 2014)

Tim Cook, ceo di Apple (foto-Olycom)

Tim Cook, ceo di Apple (foto-Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”