Giovanni Floris su La7: non farò una fotocopia di ‘Ballarò’. Il 16/9 al via ‘diMartedì’; dall’8 parte ‘diciannovEquaranta’

(Ansa) “Siamo una trasmissione nuova che riparte dai punti fermi di Ballarò, ma questo non vuol dire che sarà una fotocopia. C’è tanta voglia di ripartire da zero e mettere in pratica nuove idee”. Così Giovanni Floris nel corso della presentazione dei nuovi programmi che condurrà su La7: ‘diMartedì’ al via dal 16 settembre e ‘diciannovEquaranta’, in diretta dal lunedì al venerdì alle 19.40 dall’8 settembre. “Partiamo dai capisaldi di Ballarò – ha proseguito il conduttore – perché riteniamo che Nando Pagnoncelli sia il sondaggista più autorevole in circolazione e riproporremo la copertina di Maurizio Crozza perché pensiamo che sia il meglio in fatto di satira”.

“Abbiamo scelto questi titoli perché vogliamo dare subito l’idea di concretezza – ha spiegato Floris -: nella striscia quotidiana lavoreremo sulla notizia del giorno per 15-18 minuti, anche in questo caso con un sondaggio di Pagnoncelli. La rete ci ha dato fiducia per un progetto di cinque anni, molto lungo. Serve un impegno molto forte, ma anche la possibilità di poterci sviluppare nel tempo”.

Sugli obiettivi di share, il giornalista ha sostenuto che “ogni passo avanti nel corso della stagione è gradito, ma nella mia mente i bilanci si faranno solo a fine stagione”.

Giovanni Floris (foto Ansa)

Giovanni Floris (foto Ansa)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi