- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Axel Springer in forte crescita grazie alle attività digitali

Risultati positivi nel primo semestre dell’anno per Axel Springer, il gruppo editoriale tedesco che pubblica i quotidiani Bild, Di Welt e numerosi periodici, presente nel mercato italiano dal 2000 con il portale alfemminile.com. Una crescita trainata appunto dalle attività digitali, su cui il gruppo ha concentrato i suoi sforzi negli ultimi anni.
I ricavi consolidati del semestre sono cresciuti del 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre l’ebidta consolidata ha registrato un incremento del 10,6% (il margine ebidta si attesta al 18,5%). Le attività digitali hanno rappresentato oltre il 51% dei ricavi e oltre il 65% dell’ebidta.

[1]

Mathias Döpfner, amministratore delegato di Axel Springer

“Gli effetti della trasformazione in atto sono evidenti”, ha affermato Mathias Döpfner, amministratore delegato di Axel Springer. “I ricavi e i profitti delle nostre attività digitali, che rappresentano il principale driver di sviluppo, sono in crescita. I tassi di crescita a doppia cifra registrati nel corso del primo semestre 2014 dall’ebidta consolidato, sono perfettamente in linea con le nostre previsioni di fine anno e possiamo anticipare un incremento anche maggiore per i Classified Ad Models”.
Classified Ad Models è una delle tre aree di business di Axel Springer. Le altre due sono Paid Models e Marketing Models. Tutte tre hanno registrato un risultato positivo.
I ricavi consolidati di Axel Springer ammontano a 1.436,8 milioni di euro nel primo semestre 20147, contro i 1.352,4 milioni di euro del rispetto al primo semestre del 2013. L’ebidta netto è di 266,1 milioni di euro (240,7 milioni di euro nel primo semerstre dell’anno scorso). Il margine ebidta è salito dal 17,8% al 18,5%.
Per il 2014, il consiglio di amministrazione della società prevede un incremento complessivo del fatturato compensando il calo derivante da una minore diffusione delle testate cartacee grazie alla crescita dei ricavi pubblicitari. A fine anno la crescita dell’ebidta è prevista a doppia cifra.