Renato Farina è stato riammesso nell’Ordine dei Giornalisti

(ANSA)  Renato Farina era presente alla riunione del consiglio dell’Ordine dei Giornalisti di Milano che questa mattina ha accolto la sua domanda di reiscrizione. Farina, che era accompagnato dal suo avvocato, nel corso dell’audizione ha esaminato i fatti e i comportamenti che hanno portato alla sua radiazione e le ragioni alla base della richiesta di riammissione. Ex vicedirettore di Libero, Farina venne radiato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine il 29 marzo del 2007 in accoglimento della richiesta avanzata dal Procuratore generale della Repubblica di Milano dopo la scoperta del suo arruolamento nel Sismi con nome ‘Betulla’.

Il Procuratore generale aveva argomentato la sua richiesta rilevando che la sospensione di 12 mesi comminata dal Consiglio regionale della Lombardia era “inadeguata rispetto alla gravità della condotta ascritta ed accertata”. Nel frattempo però Farina si era già dimesso e per questo motivo la Cassazione, a cui il giornalista si era poi rivolto, nel 2011 aveva annullato il provvedimento dell’Ordine. Una prima domanda di reiscrizione presentata da Farina nell’ottobre del 2012 era stata respinta. A Luglio di quest’anno la nuova richiesta ora accolta. L’art. 59 della legge istitutiva dell’Ordine, ad ogni buon conto, consente infatti ai giornalisti radiati – anche se nel caso di Farina la radiazione e’ stata annullata – di chiedere di essere riammessi trascorsi cinque anni dal provvedimento. (Ansa, 3 settembre 2014)

Renato Farina

Renato Farina

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti