-3,9% di fatturato per i servizi d’informazione e comunicazione: è ciò che emerge di dati Istat

(ITALPRESS)  Nel secondo trimestre del 2014 l’indice generale del fatturato dei servizi (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantita’ sia dei prezzi) registra una diminuzione dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rileva l’Istat. Rispetto al secondo trimestre del 2013 l’indice del fatturato aumenta dello 0,8% per i servizi di trasporto e magazzinaggio e dello 0,5% per i servizi di alloggio e ristorazione.

Diminuzioni si registrano, invece, per i servizi d’informazione e comunicazione (-3,9%), per le attivita’ professionali, scientifiche e tecniche (-2,3%), per le attivita’ di noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (-1,2%) e per il commercio all’ingrosso, commercio e riparazione di autoveicoli e motocicli (-0,4%). Nel secondo trimestre del 2014 gli indici destagionalizzati del fatturato registrano variazioni congiunturali positive per la manutenzione e riparazione di autoveicoli (+0,6%) e per i servizi postali e attivita’ di corriere (+0,4%). Mostrano, invece, variazioni negative: il trasporto aereo (-3,2%), i servizi di informazione e comunicazione (-1,7%), il commercio all’ingrosso (-1,3%) ed il trasporto marittimo (-1,1%). Per i rimanenti settori, data la brevita’ delle serie storiche a disposizione, non e’ possibile calcolare indici destagionalizzati. (Italpress, 4 settembre 2014)

Giorgio Alleva è presidente dell'Istat dal 15 luglio 2014

Giorgio Alleva è presidente dell’Istat dal 15 luglio 2014

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020