Tarantola (Rai): Prix Italia laboratorio innovazione e cambiamento. Fassino, a Torino sempre più cultura

(ANSA)  “Benvenuti nel laboratorio dell’innovazione, continuità e cambiamento. Una vetrina internazionale eccezionale con tanti delegati da tante parti del mondo per condividere cosa sta succedendo ai media e dare visibilità all’Italia. Un concorso e insieme un’occasione per rappresentarci al meglio”. Così il presidente della Rai Anna Maria Tarantola alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Torino Piero Fassino ha illustrato le linee guida della 66/a edizione del Prix Italia che si svolgerà nel capoluogo piemontese dal 20 al 25 settembre. Tarantola, presentando l’evento a Viale Mazzini, ha rilevato come non a caso il titolo scelto dall’edizione di quest’anno sia proprio ‘Il Laboratorio dell’innovazione’, “scelta quanto mai appropriata perché nel Prix Italia è costante, sin dalla sua nascita, la tensione artistico-creativa tra passato e futuro, tra tradizione e rinnovamento, tra qualità dei contenuti e sperimentazione di nuovi linguaggi. Oggi nel momento in cui tutte le emittenti di Servizio Pubblico si stanno trasformando in Media Company, in un contesto di scarsità di risorse finanziarie, l’innovazione è più che mai necessaria. Rappresenta il lievito di ogni progettualità creativa, di ogni futura crescita.

In momenti difficili come questo la nostra missione è ancora più importante perché richiede forti capacità di innovazione di prodotto, di linguaggi di forme narrative”. Il Prix Italia, ha ricordato Fassino, è giunto alla sesta edizione all’ombra della Mole Antonelliana: “Negli stessi giorni avremo la Settimana della cultura e la manifestazione Spiritualità, in più inaugureremo una grande mostra sulla Pop Art, quindi si arricchirà ulteriormente l’offerta di eventi in città, che si fa sempre più fabbrica della cultura, senza lasciare il suo profilo industriale. Il tutto avviene alla vigilia dell’Expo 2015, a 33 minuti di treno dalla nostra Piazza San Carlo. E nel 2015 Torino sarà capitale dello sport” “Ben 230 sono i programmi in concorso quest’anno, il primo di Paolo Morawski come segretario generale del Prix Italia, che succede a Giovanna Milella, che è appena entrata nel consiglio del Salone internazionale del libro di Torino”, ha concluso Fassino. (ANSA).
TH/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi