La televisione ha un pubblico sempre più anziano: lo dice una ricerca condotta dal Moffett Nathanson Research

La televisione sta diventando sempre anziana: è cio che emerge dall’ultima ricerca condotta dal media-analista Michael Nathanson per il Moffett Nathanson Research e pubblicata sul Washington Post. Dalle indagini è emerso che l’età media degli spettatori della stagione tv 2013-2014 era di 44 anni, sei in più rispetto all’età media del pubblico dello scorso quadriennio.

L’audience dei programmi dei maggiori network di broadcast è invecchiata ancora più velocemente, raggiungendo un’età media di 53.9 anni, il 7% in più rispetto agli scorsi 4 anni.
“Gli spettatori tv stanno invecchiando addirittura più velocemente della popolazione americana” rileva Nathanson, “L’età media dei cittadini americani è stata fissata dal Censo a 37,2 anni, con un aumento dell’1,9% nell’arco degli ultimi 10 anni. Se uniamo questi due dati, quello che emerge è che l’età media degli spettatori tv è aumentata il 5% più velocemente rispetto a quella della popolazione americana”.

Il balzo in avanti nella demografia degli spettatori tv è causato da una serie di fattori, come la scarsa fruizione di contenuti televisivi da parte della fascia più giovane della popolazione (quella sotto i 25 anni) e l’aumento dell’uso dei nuovi  strumenti tecnologici da parte degli spettatori al di sotto dei 55 anni.
Il report di Nathanson riferisce che è la Cbs a detenere il primato di network con il pubblico più anziano: 58,7 anni in media. Ncsi, uno dei programmi più popolari della tv americana considerato un affare da milioni di dollari, ha un’audience più giovane nell’online e trae i suoi guadagni dalla vendita delle licenze per la tv via cavo. Gli spettatori più giovani della tv broadcast sono invece tutti per Fox,  con un’età media di 47,8 anni.
“I canali via cavo hanno in generale  un’audience più giovane grazie alla varietà di contenuti trasmessi, inclusi i progrmmi per bambini, ma nonostante questo anche loro hanno visto aumentare l’età dei loro spettatori dell’8% negli ultimi 4 anni” conclude Nathanson.
Quindi la questione adesso è: come reagiranno i colossi della televisione tradizionale?

Qui puoi trovare l’articolo integrale: http://www.washingtonpost.com/news/business/wp/2014/09/05/tv-is-increasingly-for-old-people/

Michael Nathanson

Michael Nathanson

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi