Vodafone regala Vanity Fair, FastWeb l’abbonamento al Corriere della Sera

Fino qualche anno fa erano i giornali a cercare nuovi lettori regalando libri, profumi e altri gadget, tanto che i collaterali erano diventati la terza gamba del business degli editori dopo l’edicola e la pubblicità. Oggi sono le compagnie di telecomunicazione a regalare i giornali per conquistare nuovi clienti.
Vodafone propone un anno di abbonamento a Vanity Fair, il settimanale di attualità della Condé Nast, a chi aderisce alle nuove offerte Relax con smartphone e Relax con tablet. La prima comprende 2 Gb di Internet veloce (più altri 2 Gb di connessione 4G per sei mesi) e il nuovo smartphone Samsung Galaxy S5 Gold (costo 34 euro al mese). La seconda comprende il tablet Samsung Galaxy Tab e 15 Gb di Internet superveloce 4G, più quattro mesi di abbonamento gratuito a Infinity, il servizio di film e serie tv on demand di Mediaset, il tutto per 20 euro al mese.
FastWeb ha fatto un’operazione altrettanto allettante: regala un anno di abbonamento al Corriere della Sera in versione digitale a chi aderisce all’offerta SuperJet: Internet e chiamate senza limiti arricchita da nuove funzionalità e contenuti multimediali, compreso anche l’abbonamento a Deezer Premium+ , un catalogo internazionale di oltre 30 milioni di brani di musica in streaming. Il costo della promozione è di 25 euro al mese per 12 mesi (poi 45 euro al mese Iva inclusa), e offre Internet illimitato e chiamate illimitate verso i telefoni fissi.Per chi si abbona nei mesi di settembre e ottobre, SuperJet include in promozione anche le telefonate da telefono fisso verso tutti i cellulari nazionali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)