Usigrai e il cdr del Tg1 contro la chiusura di Tg1 Storia

(ANSA) “La Rai ha deciso di chiudere la rubrica Tg1 Storia. Una decisione incomprensibile e inaccettabile”: in un comunicato congiunto, il comitato di redazione del Tg1 e l’Usigrai hanno espresso il loro disaccordo nei confronti della decisione di Viale Mazzini. “Aldilà delle dichiarazioni di facciata – continua la nota -, è nelle decisioni e nelle scelte che si rivela l’incapacità dei vertici dell’azienda di mettere in campo una riforma credibile. Invece di aprire il confronto sugli sprechi, la Rai cancella uno degli appuntamenti culturali più seguiti, con maggiore vocazione di Servizio Pubblico. Tg1 Storia, inoltre, ha sempre ottenuto eccellenti risultati di ascolto, superiori alla media di rete. Ma di quale riforma si può discutere con un vertice aziendale che autorizza decisioni del genere? Altro che Maestro Manzi. Qui siamo di fronte a comportamenti per i quali ci si meriterebbero le orecchie da asino”. “Inoltre, la decisione è avvenuta senza non solo il confronto, ma neanche una semplice comunicazione al Comitato di Redazione – hanno denunciato i giornalisti -. Ci auguriamo che sia stata una svista di fine estate, e che la Rai ripari velocemente ripristinando lo spazio in palinsesto”. (ANSA, 8 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi