Facebook spinge sui video, copia YouTube

(ANSA) Facebook punta sui video testando due novità che richiamano YouTube. Il social network ha annunciato sul suo blog che introdurrà i contatori di visualizzazione dei filmati. Sul fronte mobile quando un utente finirà di guardare un filmato riceverà consigli su video correlati da vedere. Fb, che conta oltre un miliardo di filmati visti al giorno, ha precisato che le l’auto-play, la riproduzione automatica dei video che è al centro di polemiche per il consumo di traffico dati, è personalizzabile. I contatori, che inizieranno a essere introdotti questa settimana, consentiranno agli utenti di sapere quante visualizzazioni ha ottenuto un video condiviso pubblicamente da persone o pagine, in modo da “aiutare la gente a scoprire filmati nuovi e popolari”. Sono già in fase di test sulla versione mobile del social network, invece, i video consigliati. Al pari di quanto accade su Youtube, all’utente che ha terminato di vedere un filmato vengono mostrati altri video correlati. Nel post, Facebook è anche intervenuto sull’auto-play, cioè sulla riproduzione dei video che inizia automaticamente, senza che l’utente la avvii con un clic. Nei giorni scorsi il sito MoneySavingExperts aveva messo in allarme sul consumo di internet generato dall’autoplay sugli smartphone, collegato all’esaurimento delle soglie di traffico dati mensili e a bollette telefoniche esorbitanti. Pur senza riferimenti diretti alle polemiche, il social ha precisato che le impostazioni dell’auto-play ”sono facilmente personalizzabili”. In pratica si può impostare la funzione in modo da non incidere sulla bolletta, ad esempio abilitandola solo quando si è connessi via wi-fi. (ANSA, 9 settembre 2014)

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook (foto Olycom)

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti