Guerra del telecomando: il Consiglio di Stato respinge i ricorsi, tornano in ballo le posizioni 8 e 9

(ANSA) Nuovo capitolo nell’annosa ‘guerra del telecomando’: torna in ballo il piano di numerazione automatica dei canali (il cosiddetto Lcn) e in particolare l’assegnazione dei numeri 8 e 9 a Mtv e Deejay Tv. Il Consiglio di Stato ha infatti respinto i ricorsi presentati dall’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, dal ministero dello Sviluppo economico e dalla stessa Mtv Italia contro la sentenza del dicembre 2013 con cui i giudici di Palazzo Spada avevano annullato la delibera Agcom sul nuovo piano di numerazione dei canali, nella misura in cui aveva disposto “l’assegnazione dei numeri 8 e 9 del sistema Lcn a canali generalisti ex analogici”, e avevano nominato un commissario ad acta per predisporre un nuovo piano di numerazione. “L’attività del commissario ad acta, prudenzialmente sospesa dal Collegio in sede cautelare per la complessità della materia controversa”, scrive la terza sezione del Consiglio di Stato nelle motivazioni della sentenza, depositate ieri, deve “riprendere il suo corso in riferimento alla valutazione, ora per allora, dell’assegnazione dei canali 7,8 e 9 ai canali ex analogici generalisti”. Si ribadisce anche che la numerazione dei canali “non può non tenere conto” delle “preferenze” e delle “abitudini” degli utenti. La guerra del telecomando è iniziata con il piano di numerazione varato dall’Agcom nel 2010, che assegnava, tra l’altro, i numeri dall’1 al 9 ai canali generalisti ex analogici e quelli dal 10 al 19 alle emittenti locali. Il provvedimento era stato annullato nel 2012 dal Consiglio di Stato dopo una serie di ricorsi, ma era stato poi congelato fino all’adozione del nuovo piano. Nel marzo 2013 l’Agcom ha adottato la nuova delibera, confermando l’assegnazione dei canali 7 a La7, 8 a Mtv e 9 a Deejay Tv. Una decisione che ha rilanciato proteste e ricorsi, in particolare da parte di alcuni emittenti locali, che contestavano il carattere generalista di Mtv e Deejay Tv. E proprio i numeri 8 e 9 sono finiti sotto la lente del Consiglio di Stato, che a dicembre scorso ha dichiarato la nullità della loro assegnazione. (ANSA, 9 settembre 2014)

 

Viacom: “Speriamo di poter continuare ad investire”

Andrea Castellari, amministratore delegato di Viacom International Media Networks Italia

Andrea Castellari, amministratore delegato di Viacom International Media Networks Italia

(ANSA) “La decisione del Consiglio di Stato in realtà conferma alcune posizioni di Mtv e consente la ripresa dei lavori del commissario. Quindi siamo sereni e fiduciosi che questa situazione si risolverà presto e nel migliore dei modi”, afferma Andrea Castellari, amministratore delegato di Viacom International Media Networks Italia, commentando la sentenza dei giudici di Palazzo Spada sull’annosa vicenda della numerazione automatica dei canali del telecomando, che di fatto ha rimesso in ballo l’assegnazione dei numeri 8 e 9 a Mtv e Deejay Tv. “Il nostro Paese – sottolinea Castellari – è sempre molto complicato, ma auspichiamo un esito che ci dia la possibilità di continuare ad investire e ad espandere il nostro business in Italia a tutela dei nostri utenti”. (ANSA, 9 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi