Siti a rilento: il web si mobilita a difesa della ‘net neutrality’

(ASCA) Web a passo di lumaca per protesta: non e’ un problema di connessione se nella vostra connessione alcuni siti oggi risulteranno lentissimi, ma la scelta di alcuni gruppi tecnologici per protestare contro una decisione chiave per il futuro del Web negli Stati Uniti. Le autorita’ americane infatti potrebbero presto abolire la net neutrality e creare Internet a due velocita’.

Autostrade velocissime per alcuni gruppi (disposti a pagare di piu’) e lente per altri. La protesta virtuale vede tra le sue fila colossi come Netflix, Etsy, FourSquare, KickStarter, Mozilla, Reddit, PornHub e Vimeo che oggi hanno istallato sui loro siti un widget in grafo di rallentarli. Lo scopo e’ quello di mostrare come potrebbe diventare la Rete se la Federal Communications Commission (FCC), l’agenzia che regola il settore delle comunicazioni in America, dovesse rovesciare la net neutrality. Proteggi la liberta’ di Internet, difendi la net neutrality, si legge in fianco alla rotella che continua a girare mentre la pagina si carica. “La net neutrality e’ difficile da spiegare alle persone, cosi’ abbiamo deciso di organizzare un’azione che mostri al mondo cosa potrebbe succedere nella pratica. Credo che la frase piu’ odiata su Internet adesso sia ‘Attendere prego, in caricamento…'”, ha detto Evan Greer, cofondatore di Fight for the Future, il gruppo che ha organizzato la giornata di protesta. (Asca, 10 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Repubblica: candidati al Cdr scelti il 5 giugno, eletti entro il 15

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

Trump vara la stretta sui social: sono monopoli; con interventi sui post assumono posizioni editoriali

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione