‘Porte aperte in azienda’: al via la nuova iniziativa del Tempo delle donne

Cosa cambia in un’azienda quando è guidata da una donna? Per capire come sono organizzate le aziende a conduzione femminile, Il tempo delle donne del Corriere della Sera lancia il progetto ‘Porte aperte in azienda’. Ecco i nove appuntamenti in programma, a cui i lettori possono registrarsi all’indirizzo info_iltempodelledonne@rcs.it:

12 settembre, ore 12.30 – Pio Albergo Trivulzio, Donne e cura dei genitori anziani

15 settembre, ore 10.00 – L’Oréal, Progetto smartworking. Come una multinazionale cambia la cultura aziendale passando per la flessibilità

15 settembre, ore 14.00 – Governence Consulting, Diventare imprenditori di se stessi: fondare e far crescere un’azienda

16 settembre, ore 100 – Reply, Donne, tecnologia e crescita (del Paese e delle donne)

17 settembre, ore 9.00 – Sonia Cars, Immigrazione e imprenditoria

18 settembre, ore 11.00 – Università degli Studi di Milano Bicocca, Formazione e materie umanistiche vs scientifiche

18 settembre, ore 15.00 – Value Search, Selezione del personale e come si affronta un colloquio

24 settembre, ore 15.00 – Msl Group, Il passaggio dal fondatore al manager

24 settembre, ore 16.00 – Discovery Italia, Il rapporto con l’immagine

Barbara Stefanelli (foto Olycom)

Barbara Stefanelli, vice direttore del Corriere della Sera (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini