- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Nel 2013 pubblicati meno titoli d’arte (-2,3%): in arrivo il nuovo rapporto dell’Aie

Racconta la ‘grande bellezza’ del nostro Paese il secondo Rapporto sull’editoria d’arte 2014. Un approfondimento a 360 gradi a cura dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (Aie) per la collana degli instant e-book del ‘Giornale della Libreria’, in uscita il 18 settembre in occasione dell’undicesima edizione di Artelibro – Festival del libro e della storia dell’arte.

Come si legge in una nota dell’Aie, si tratta di una fotografia del settore, della filiera produttiva che lo compone (dalle carte speciali alla stampa di qualità) e delle sue dinamiche, rivolto al pubblico italiano che visita mostre d’arte e musei, frequenta le librerie, ma sempre più – attraverso coedizioni o libri pubblicati direttamente in inglese per il mercato internazionale – anche a quello straniero. È un segmento che risente delle generali difficoltà di tutto il settore editoriale (per dare un primo dato, si registra il -2,3% di titoli d’arte prodotti nel 2013 rispetto all’anno precedente), ma anche di una profonda trasformazione degli interessi del pubblico dei lettori.

Marco Polillo, presidente dell'Aie [1]

Marco Polillo, presidente dell’Aie

Alcuni tra i maggiori rappresentanti di questo settore, come Marzia Corraini, Gareth Long, Chiara Medioli, Luca Panini, Matteo Vercelloni e Massimo Vitta Zelman, sono stati chiamati a raccontare come l’editoria d’arte risponda al momento e alle sue difficoltà in termini di innovazione di prodotto, di ricerca di nuovi mercati internazionali, di nuove nicchie di mercato (i bambini, la fotografia, ecc.).

Oggi il segmento è sfaccettato e multiforme, spiega l’Aie: è anche quello che racconta la sua qualità e l’eccellenza (scientifica e iconografica, produttiva), è il mondo dei cataloghi e libri d’arte, anche per bambini, è quello di edizioni facsimilari che recuperano (tra artigianati di eccellenza, rigore filologico, qualità delle carte e della stampa) un patrimonio nazionale fatto di codici miniati resi così accessibili al pubblico delle biblioteche (spesso internazionali) o dei collezionisti. E’ un mondo che ha già accettato la sfida del digitale (app, banche dati, ecc.).

L’e-book ‘Le voci dell’arte. Rapporto sull’editoria d’arte 2014’ sarà disponibile dal 18 settembre sulle principali piattaforme on-line al costo di 3,99 euro. Il numero di settembre del ‘Giornale della Libreria’, con una specifica sezione dedicata all’editoria d’arte, è disponibile in occasione di Artelibro anche nello spazio riservato alle riviste di settore allestito al Palazzo di Re Enzo (Bologna).