In Cina arriva la corsia per chi non riesce a staccare gli occhi dal proprio smartphone

A Chongqing, la terza città cinese per numero di abitanti, è stata realizzata sui marciapiedi di Foreigner Streetuna corsia speciale per i pedoni che camminano con lo smartphone in mano, così che non siano d’intralcio agli altri. Sul marciapiede sono state disegnate due corsie, una per i pedoni “non smart”, contrassegnata dalla scritta “no cell-phone”,  ed una per chi usa lo smartphone, suddivisa in altrettante due corsie (per entrambi i sensi di marcia).

I cosiddetti ‘addicted’, ovvero coloro che non possono proprio fare a meno del proprio device mobile neanche per qualche minuto, potranno così camminare senza essere d’intralcio per gli altri pedoni ed evitando  d’imbattersi in qualcuno che vada nella direzione opposta o in un ostacolo.

I pedoni distratti dall’uso del cellulare sono diventati una delle principali fonti di pericolo nelle nostre città. Alcuni studi hanno affermato che il camminare tenendo lo sguardo fisso sul display del proprio smartphone è diventato la prima causa di incidenti stradali, superando addirittura l’uso delelefono alla guida, perchè l’attenzione al piccolo schermo ci  isola dal contesto in cui ci troviamo e ci espone  in ogni momento al rischio di inciampare, di cadere, di urtare altre persone, di non controllare il traffico o i semafori mentre si attraversa.

La corsia "Cell-phone"

La scritta che indica la corsia  “Cell-phone” realizzata in Cina

La corsia realizzata in Cina per chi cammina con il cellulare

La corsia realizzata in Cina per chi cammina con il cellulare

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020