Anche Google fa il suo smartphone low cost: costa 100 dollari e debutta in India. YouTube funzionerà anche offline

(ANSA) I mercati in crescita fanno gola e dopo Microsoft-Nokia anche Google si lancia nel low cost. La società di Mountain View ha presentato in India i primi smartphone che girano sulla sua piattaforma Android One, pensata per portare dispositivi economici nei paesi in via di sviluppo. Creati con i costruttori locali Micromax, Karbonn e Spice, i telefonini hanno display da 4,5 pollici e un prezzo che parte da 105 dollari. Altra importante novità che riguarda al momento solo l’India: Google ha annunciato l’arrivo di una versione ad hoc di YouTube con cui scaricare i video e riguardarli offline per un minore impatto sulla bolletta. Quello dei paesi in via di sviluppo è un bacino potenziale che interessa a siversi big dell’hi-tech. Solo in India, secondo i dati di Idc, nel 2013 le vendite di smartphone sono quasi triplicate raggiungendo i 44 milioni di unità, mentre nel primo semestre del 2014 le consegne erano già a quota 36 milioni. “Le persone vanno online e accedono alle informazioni sempre più spesso via smartphone”, osserva Big G in una nota. “Se 1,75 miliardi di persone hanno già uno smartphone, non è così per la maggioranza della popolazione mondiale, oltre 5 miliardi. Ciò significa che la maggior parte delle persone possono solo fare chiamate vocali ma non contattare la famiglia attraverso una video chat, usare le mappe per trovare l’ospedale più vicino o semplicemente fare una ricerca sul web. Vogliamo portare queste esperienze a più persone”. Gli smartphone lanciati sono ‘dual sim’, montano una fotocamera posteriore da 5 megapixel più una frontale da 2 megapixel, hanno un processore quad-core MediaTek da 1.3 GHz e 1GB di Ram. A breve arriveranno proposte diverse in termini di dotazione hardware, dimensioni e colori grazie all’adesione al programma di società come Acer, Alcatel, Asus, Htc, Lenovo, Panasonic e Qualcomm, spiega Google, aggiungendo che Android One sbarcherà in Indonesia, Filippine, Bangladesh, Nepal, Pakistan e Sri Lanka entro il 2014, con altre nazioni che si aggiungeranno l’anno prossimo. (ANSA).
Y89-SAM/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 VIDEO CREATOR di dicembre. Dopo Benedetta Rossi, sempre prima, in classifica un altro ‘video cuoco’: Luca Pappagallo

TOP 15 VIDEO CREATOR di dicembre. Dopo Benedetta Rossi, sempre prima, in classifica un altro ‘video cuoco’: Luca Pappagallo

Pigi Battista prende al volo il prepensionamento, lascia il Corriere della Sera e la politica

Pigi Battista prende al volo il prepensionamento, lascia il Corriere della Sera e la politica

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A dicembre Sky Sport primo per numero di interazioni, Cookist per video view. Ma i post più popolari sono di Netflix

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A dicembre Sky Sport primo per numero di interazioni, Cookist per video view. Ma i post più popolari sono di Netflix