Al Festival di Toronto il cinema italiano ha trovato distributori locali

Il Festival di Toronto ha chiuso i battenti su un’ottima edizione (piu di 300 film presentati e un considerevole aumento di operatori di stampa ed industry) nel corso della quale i film italiani hanno iniziato a trovare i loro distributori locali.

Si stanno per chiudere le trattative con la Francia per “Il giovane favoloso” di Mario Martone e c’è grande interesse da parte dei distributori inglesi e sudamericani.

Chiuso il contratto per la distribuzione svizzera di “Anime nere” di Francesco Munzi.  Sempre per “Anime nere” si stanno definendo gli accordi con UK, Australia, Grecia e Scandinavia e sono iniziate le trattative per Germania, Benelux e USA, dove la societa Distrib Films ha acquistito i diritti per la distribuzione americana di “W La libertà” di Roberto Ando’ e “La mafia uccide solo d’estate” di Pif, recentemente presentati ad Open Roads a New York.

Grande interesse da parte della Francia, Svizzera, Benelux, Australia e Sud America per “Senza nessuna pietà” di Michele Alhaique interpretato e prodotto da Pierfrancesco Favino e sempre in Francia  uscirà nelle sale il  primo ottobre “Anime nere”.

“I nostri ragazzi” di Ivano De Matteo si vedrà in Grecia, Turchia e Taiwan.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Casellati: l’affollamento di virologi in tv può alimentare il ‘fai da te’; informazione non gestita rischia di alimentare confusione

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Quest’anno il mercato pubblicitario in Italia crescerà del 10,7%. Le previsioni al 2026 di GroupM: boom mondiale dell’adv su connected tv

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia

Diritti tv, Lega Serie A pubblica l’invito alla gara per le prossime tre stagioni Coppa Italia