Su Raitre torna Tv Talk con Balassone, Freccero e Bocca

Tre nuovi ospiti fissi per Tv Talk, il programma di Rai Cultura con Massimo Bernardini che riparte sabato 4 ottobre alle 15.00 su Raitre. A raccontare il mondo della televisione e i suoi dietro le quinte, infatti, ci sono quest’anno anche Stefano Balassone, autore televisivo e docente di economia dei media; Carlo Freccero, sociologo della comunicazione e direttore del Roma Fiction Fest, e Riccardo Bocca, critico televisivo in particolare sugli aspetti legati al costume e allo star system.

Tra le novità della trasmissione anche un’inedita ‘conduzione allargata’, con Bernardini che viene affiancato da Sebastiano Pucciarelli e Cinzia Bancone. In studio, inoltre, tornano il professor Giorgio Simonelli, storico della tv, e Silvia Motta con l’analisi dei dati d’ascolto. In collegamento, invece, i corrispondenti dal Regno Unito e dagli Stati Uniti Barbara Serra e Andrea Salvadore, per continuare a osservare cosa succede nel panorama televisivo all’estero.

Più spazio al web con un potenziamento del portale www.media.rai.it e delle pagine social che proporranno nuovi contenuti e approfondimenti sul mondo della comunicazione a 360 gradi.

Da segnalare anche la presenza di un nuovo autore, Giovanni Robertini, che collaborerà con gli storici autori del programma – Massimo Bernardini, Furio Andreotti, Sebastiano Pucciarelli e Mirco Cucina – e una regia al femminile firmata da Anna Tinti. Il capo progetto di Tv Talk è Mario Orsini, produttore esecutivo Laura Bolio.

I tre conduttori di Tv Talk

I tre conduttori di Tv Talk

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020