Google: boom di richieste da parte dei governi mondiali per ottenere i dati degli utenti

(ANSA) Le richieste di ottenere i dati degli utenti come email e indirizzi Ip, inoltrate a Google dai governi mondiali nell’ambito di indagini criminali, sono aumentate del 150% negli ultimi anni, con una crescita del 15% nella prima metà del 2014. I dati emergono dall’aggiornamento del Report sulla Trasparenza pubblicato da Mountain View. Le richieste da parte del governo Usa sono cresciute del 250% dal 2009, anno della prima pubblicazione del report, e del 19% nel primo semestre di quest’anno. Da gennaio a giugno 2014 le domande ricevute da Google hanno superato quota 30mila, per il 65% delle quali la società ha fornito alcuni dati. Gli Stati Uniti primeggiano con 8.211 richieste per citazioni in giudizio e 3.187 per mandati di perquisizione, più un migliaio per varie tipologie di ingiunzione. In Europa si distinguono per volumi la Germania (3.338 richieste) e la Francia (3.002). Il Regno Unito si attesta a 1.535 richieste, l’Italia a 1.108. Fuori dall’Ue si segnalano l’India (2.794) e Singapore (1.086). (ANSA, 16 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

SportLab, il 29 ottobre un convegno online sul futuro dell’industria dello sport per festeggiare i 75 anni di Stadio e Tuttosport

Massimo Sarmi sarà il presidente di FiberCop, operativa dal primo trimestre del 2021

Massimo Sarmi sarà il presidente di FiberCop, operativa dal primo trimestre del 2021

Facebook sfida Google, Amazon e Microsoft nel cloud gaming con un servizio gratuito

Facebook sfida Google, Amazon e Microsoft nel cloud gaming con un servizio gratuito