Nicola Drago presenta ‘A talk on programmatic’, riflessioni sull’impatto del programmatic buying e del real time bidding sul mercato dell’adv online

Stasera a Milano alle 19 Nicola Drago fa la sua prima uscita pubblica come capo di Zodiak Active Plus, controllata del gruppo De Agostini. Lo fa per presentare ‘A talk on programmatic’, evento organizzato da Zodiak Advertising che verterà sui temi del programmatic buying e del real time bidding.
In particolare verrà dato risalto all’impatto che il programmatic ha sul mercato complessivo della pubblicità online, l’efficienza apportata e i vantaggi di cui editori e advertiser possono beneficiare, il ruolo e le prospettive dell’editoria di qualità e la misurabilità dei dati e l’importanza che sempre più acquisiscono le Dmp (Data Management Platform) per l’elaborazione dei dati e la profilazione dell’audience.

Nicola Drago

Nicola Drago

L’agenda prevede l’intervento di Nicola Drago, chief executive officer Zodiak Active Plus che offrirà spunti di riflessione sull’evolversi del mercato e un approfondimento sulle strategie adottate da Zodiak Advertising.
L’evento sarà inoltre l’occasione per raccogliere le esperienze di un editore tra i più importanti del panorama italiano come WebSystem – Il Sole24Ore con il suo direttore Luca Paglicci, e quella di una media holding internazionale con l’intervento di Andrea Di Fonzo – chief digital officer di GroupM.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

EY, italiani più ‘connessi’ dopo la pandemia: ai primi posti in Europa per sanità digitale

EY, italiani più ‘connessi’ dopo la pandemia: ai primi posti in Europa per sanità digitale

Pirateria: Sky soddisfatta per l’operazione Euro Strike 2020

Pirateria: Sky soddisfatta per l’operazione Euro Strike 2020

Apple Daily, dopo il blitz in redazione la polizia accusa il direttore e l’ad della società che controlla il tabloid pro-democrazia di Hong Kong

Apple Daily, dopo il blitz in redazione la polizia accusa il direttore e l’ad della società che controlla il tabloid pro-democrazia di Hong Kong