L’Associazione stampa romana indice un referendum regionale sul contratto dei giornalisti

(ANSA) Il direttivo e la consulta dei fiduciari e cdr della Associazione Stampa Romana hanno deciso all’unanimità di indire un referendum fra le giornaliste e i giornalisti del Lazio sugli accordi sindacali firmati dalla Fnsi il 24 giugno scorso. La consultazione – informa una nota – si svolgerà il 26 e 27 settembre prossimo: un seggio sarà costituito al primo piano della sede Asr a piazza della Torretta 36; uno presso la sede Rai di Saxa Rubra; altri seggi verranno aperti in ogni testata della Regione che abbia almeno 50 giornalisti dipendenti. Si voterà fra le ore 10 e le ore 19 dei giorni 26 e 27 settembre e potranno partecipare tutti i giornalisti dipendenti, freelance, collaboratori o pensionati come da elenchi predisposti dall’Inpgi per la consultazione nazionale. Il direttivo e la consulta “impegnano tutti i cdr e i fiduciari a dare ampia informazione sul referendum e favorire la adesione del più alto numero possibile di colleghe e colleghi, affiancando il lavoro della commissione referendaria della Asr”. Direttivo e consulta “hanno inoltre preso atto della delibera della Giunta della Fnsi che indice per gli stessi giorni un referendum nazionale se pur con modalità differenti (quorum oltre il 50% degli aventi diritto al voto e scrutinio soltanto a quorum raggiunto), ma ritengono lo stesso insufficiente e scarsamente inclusivo. In ogni caso il voto regionale affiancherà e non sostituirà quello indetto dalla Fnsi che verrà svolto secondo le indicazione della Giunta Federale”. La commissione referendum della Asr contatterà i cdr e i fiduciari fornendo loro tutto il materiale necessario allo svolgimento della consultazione.(ANSA, 16 settembre 2014)

Paolo Butturini, segretario dell'Asr (foto Salvatore Contino)

Paolo Butturini, segretario dell’Asr (foto Salvatore Contino)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mibact): dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute. Agis: scelta devastante

Franceschini (Mibact): dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute. Agis: scelta devastante

Covid, ecco il nuovo Dpcm firmato da Conte: stop a cinema e teatri; dad anche al 100%; chiusura alle 18 per bar e ristoranti – DOCUMENTO

Covid, ecco il nuovo Dpcm firmato da Conte: stop a cinema e teatri; dad anche al 100%; chiusura alle 18 per bar e ristoranti – DOCUMENTO

Covid, si va verso un nuovo Dpcm: spostamenti limitati; cinema chiusi; stop a palestre e congressi. Ecco le norme al vaglio (DOCUMENTO)

Covid, si va verso un nuovo Dpcm: spostamenti limitati; cinema chiusi; stop a palestre e congressi. Ecco le norme al vaglio (DOCUMENTO)