Bambini sempre più tecnofili e capaci di cercare autonomamente i contenuti: ecco come cambia il mercato della tv kids secondo Eurodata Tv Research (DOCUMENTO)

Johanna Karsenty, direttrice dell’ Eurodata Tv Worldwide’s International Research, ha recentemente pubblicato l’undicesima edizione del Kids Tv Report (pdf), indagine che fornisce una panoramica sui principali trend che hanno caratterizzato il mercato europeo della televisione per bambini nel primo semestre 2014. “In Italia, Spagna e Regno Unito c’è già un’ampia scelta di canali gratuiti dedicati ai bambini, adesso stiamo tenendo d’occhio la situazione in Francia e Germania. Questo permette ai bambini di avere una più ampia gamma di offerte.”

Nel comunicato Johanna Karsenty spiega come durante il primo semestre del 2014 ci siano stati importanti cambiamenti sul panorama europeo nei mercati coperti dallo studio (Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito), compresa la disponibilità di nuovi canali per bambini sul digitale terrestre gratuito. Allo stesso tempo, è emerso come oggi i bambini siano sempre più tecnofili e abbiano imparato a cercare i loro contenuti preferiti su una più ampia varietà di piattaforme.
E’ emerso che tra gennaio e giugno 2014, i bambini dei 5 paesi studiati hanno guardato in media 2 ore e 6 minuti di televisione al giorno, nove minuti al giorno rispetto al primo semestre del 2013, mentre nello stesso periodo del 2009, il tempo di visualizzazione giornaliera si attestava a 2 ore e 9 minuti al giorno. “Uno dei principali fattori che incidono sulla diminuzione dei consumi è il clima mite che c’è stato questo primo semestre 2014. Inoltre, il calo non è stato omogeneo: in Italia ad esempio siamo a 2 ore e 51 minuti, 7 minuti in più rispetto al 2013” prosegue la Karsenty.

Comunque, nonostante l’importanza e la centralità che stanno assumendo le altre piattaforme nella vita quotidiana, la televisione si conferma il dispositivo preferito dalla famiglia.

Scarica qui il documento Pdf con il comunicato integrale.

Johanna Karsenty

Johanna Karsenty

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery