Giallo Lilli Gruber: secondo TvBlog la conduttrice de La7 “è al pronto soccorso”. Otto e mezzo salta ancora. Voci su contatti con Raitre

(Libero) Un’altra serata senza Lilli Gruber. Giallo a La7: Otto e mezzo non è andato in onda nemmeno stasera. Al suo posto la replica della puntata di qualche giorno fa con ospite il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi. Secondo il sito TvBlog, Lilli Gruber sarebbe andata in pronto soccorso per accertamenti dopo che già lunedì sera la conduttrice aveva dato forfait all’ultimo minuto a causa di una indisposizione con relativo abbassamento di voce. Dall’ufficio stampa di La7 avevano riferito di un leggero malore, con la speranza di un recupero nel giro di 24 ore. Enrico Mentana, che aveva annunciato il cambio di palinsesto in diretta al suo TgLa7, con tanto di collegamento improvvisato con Corrado Formigli (che ha sostituito la Gruber anticipando di un’ora il debutto di Piazzapulita), aveva parlato di un “problema pensiamo momentaneo, speriamo momentaneo”. Un’incertezza che ora risulta piuttosto inquietante, anche considerato i toni misteriosi utilizzati dal direttore del Tg e dallo stesso Formigli. Largo alle dietrologie, dunque: sempre TvBlog rilancia le voci di possibili abboccamenti tra la Gruber e Raitre, già girate ai tempi della sostituzione di Giovanni Floris a Ballarò. Strane coincidenze: Floris, passato proprio a La7, sarebbe dovuto essere ospite di Lilli nella puntata di Otto e mezzo poi saltata. Nonostante le smentite di Urbano Cairo a luglio, la Gruber non avrebbe ancora rinnovato il contratto con La7 e c’è che insinua che questo calo di voce improvviso sia un messaggio silente al patron. Messaggio peraltro arrivato già forte e chiaro qualche giorno prima della nuova stagione del talk post-tg.

http://www.liberoquotidiano.it/news/11689680/La7–giallo-Lilli-Gruber-.html

Lilli Gruber (foto Libero)

Lilli Gruber (foto Libero)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti