Salta il cambio di presidenza a Publicis, Maurice Lévy resta fino al 2017

(TMNews) – Salta l’avvicendamento alla presidenza del gigante della pubblicità francese Publicis, dopo che la società ha annunciato la dipartita del manager che fino a qualche tempo fa veniva considerato destinato ad assumere la carica: Jean-Yves Naouri. Il presidente Maurice Lévy resterà al suo posto almeno fino a primavera 2017 mentre il seggio vacante nel Consiglio di amministrazione – in cui siedono in quattro oltre al presidente e al fuoriuscito anche Jean-Michel Etienne e Kevin Roberts – verrà assegnato a Anne-Gabrielle Heilbronner.

Secondo le ricostruzioni del quotidiano finanziario Les Echos l’uscita di Naouri è conseguenza del fiasco sul tentativo di aggregazione con l’americana Omnicom, che puntava a dare vita al nuovo colosso globale del settore.

Maurice Levy

Maurice Levy

Ora si ricrea l’incognita sulla successione, tenuto conto che Publicis non è certo una società abituata a cambiare spesso i vertici apicali: dalla sua fondazione nel 1926 ha avuto solo due presidenti, prima Marcel Bleustein-Blanchet e dal 1987 Lévy. La gestione operativa è stata per ora affidata a Roberts, con un mandato anche sulla formazione dei dirigenti che si concluderà in contemporanea con quello di Lévy. (fonte Afp)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress