L’Unci è solidale con i giornalisti del Tempo Abruzzo e chiede a Lotti, sottosegretario all’editoria, di intervenire

(AGI) L’unione nazionale cronisti italiani (Unci) e’ vicina ai colleghi de Il Tempo “vittime – afferma l’Unci in una nota – di una pesante ristrutturazione aziendale che portera’ alla chiusura dell’edizione Abruzzo e Molise della storica testata romana. Il piano presentato dall’azienda prevede la cassa integrazione a zero ore per dieci dei giornalisti assunti e la cessazione del rapporto di lavoro con i trenta collaboratori che ogni giorno prestano servizio sul territorio e che non avranno alcun paracadute in questa uscita”. “L’Unci – prosegue la nota – chiede alle forze politiche e imprenditoriali del territorio abruzzese e molisano di impegnarsi affinche’ l’azienda riveda i suoi pesanti piani di ridimensionamento. Chiede al sottosegretario all’Editoria Luca Lotti la convocazione di un incontro per approfondire la reale portata della crisi che sta attraversando una testata che rappresenta un pezzo importante della storia del giornalismo italiano. Chiede anche che sia esercitata una forma severa di controllo sulle condizioni che hanno portato al pesante passivo ufficializzato dall’editore de Il Tempo. L’Unci seguira’ con impegno lo svilupparsi della trattativa e sara’ al fianco dei colleghi, dipendenti e collaboratori, in ogni iniziativa che vorranno mettere in campo, anche con il sostegno della Fnsi e dei sindacati territoriali che in questi giorni sono impegnati nel confronto con l’editore. A tutti i quaranta lavoratori dell’edizione abruzzese e molisana de Il Tempo – conclude l’Unci – va tutta la nostra solidarieta’”. (AGI 18 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Fnsi,  Snag e Anzaldi su Moles, neo sottosegretario all’Editoria: precariato, sostegno edicole, Inpgi

Fnsi, Snag e Anzaldi su Moles, neo sottosegretario all’Editoria: precariato, sostegno edicole, Inpgi