Cresce la disponibilità a pagare per fruire contenuti in piena libertà di tempo e luogo, dice il ‘ConsumerLab Tv & Media 2014’ di Ericson (INFOGRAFICA)

In Italia ci sono più utenti video online e in streaming che attraverso la televisione tradizionale. Lo rivela lo studio Ericson sulle abitudini di consumo dei media. Questo tipo di fruizione dei contenuti tv è aumentato di 7 punti percentuali rispetto all’anno scorso. La ricerca conferma un fenomeno già segnalato e cioè il consumo integrato: guardare la tv con in mano tablet o smartphone con cui si approfondiscono i contenuti in video o se ne discute sui social. Un italiano su quattro, però, mentre la tv trasmette un programma, sul tablet ne guarda anche un altro. Il ‘Consumerlab Tv & Media 2014’ di Ericson registra anche che la disponibilità a pagare per fruire contenuti in ‘piena libertà’ (di tempo e luogo) è quasi raddoppiata nell’ultimo anno. Il 53% degli italiani non ama interruzioni pubblicitarie non pertinenti e il 40% sarebbe anche disponibile a comunicare le sue preferenze pur di ricevere adv più attinente.

Ecco qualche dato a livello globale:

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery