Alcuni giornalisti della bbc subiscono aggressione da sconosciuti nel sud della Russia

(ASCA) Un team di giornalisti della Bbc e’ stato aggredito e picchiato da sconosciuti ad Astrakhan, nel Sud della Russia, dove stavano girando un reportage su soldati “uccisi nei pressi della frontiera con l’Ucraina”, ha riferito la tv britannica con un comunicato. “La nostra e’quipe e’ stata picchiata violentemente, la telecamera e’ stata distrutta e poi confiscata”, mentre i giornalisti – tra cui un britannico, Steve Rosenberg – sono stati portati in commissariato e sono stati interrogati per quattro ore. La Bbc chiede che sia condotta un’accurata indagine sulla vicenda. Il portavoce della polizia di Astrakhan ha fatto sapere che un’inchiesta e’ gia’ in corso, senza dettagliare ulteriormente. Secondo attivisti per i diritti umani, nell’Est dell’Ucraina sono morti almeno 200 soldati russi, combattendo a fianco dei separatisti. Un argomento praticamente assente dai media russi e che crea problemi a chi tenti di raccogliere testimonianze in merito: alcune settimane fa un giornalista e deputato dell’opposizione russa, Lev Chlosberg, e’ finito in ospedale, picchiato da tre sconosciuti, proprio mentre cercava informazioni sull’uccisione di soldati russi in Ucraina.(ASCA 18 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata