A Napoli arriva il primo Festival della Letteratura Elettronica, dall’1 al 3 ottobre

Dal 1 ottobre al 3 novembre  si terrà a Napoli “Ole.01 – Festival Internazionale della Letteratura Elettronica”, sostenuto dalla Commissione Europea in stretta collaborazione con la Regione Campania e il Comune di Napoli, assessorato alla Cultura e al Turismo.

Nel comunicato stampa di presentazione dell’evento Lello Masucci, Direttore artistico del Festival ha dichiarato: “Si tratta di una grande rassegna che porta per la prima volta in Italia i grandi artisti internazionali della “letteratura elettronica”, un Festival che intende conoscere e far conoscere, indagare e riflettere su come le tecnologie ed in particolare il web influenzino l’arte e la letteratura nei suoi vari aspetti, dal racconto al romanzo, dalla musica al video alla fotografia, danza, teatro, poesia o alla pittura. Le tecnologie non hanno solo cambiato il modo di produrre o di fruire l’arte, ma ne hanno cambiato i contenuti, l’espressione, mutando persino il linguaggio: dagli ipertesti al racconto utilizzando lo stile dei post sui “social”, ma anche alla poesia espressa nei 140 caratteri dei “tweet” o in sms, dal giornalismo partecipativo ai romanzi collettivi scritti sui blog alle installazioni video capaci di inter agire con il visitatore, o alle “fiction interattive”. Fino agli ebook che invece che trasporre i libri tradizionali, nascono già pensati per l’interattività e la multimedialità dei device.  La tecnologia ha messo a disposizione della creatività dell’uomo straordinarie potenzialità, in grande parte ancora da indagare.”

“Elecrify your imagination” è lo slogan della manifestazione, ed è proprio quello che fanno gli artisti della e-letterature e che vorremmo possano fare i visitatori italiani ed internazionali che verranno a trovarci.”.
In molte grandi città del mondo esistono Festival ed iniziative simili, da Londra a Berlino centinaia di artisti si confrontano e si fanno conoscere dal grande pubblico, fondendo creatività e tecnologia, radici ed innovazione. In Italia la “letteratura elettronica” arriva per la prima volta in una grande manifestazione che coinvolgerà tutta la città per un mese intero con eventi, installazioni concerti, mostre, dibattiti: Palazzo Reale, Maschio Angioino, Castel dell’Ovo, Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore (Sala S. Tommaso), PAN Palazzo delle Arti di Napoli, Conservatorio San Pietro a Majella, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Piazza Dante, Piazza del Gesù Nuovo, Villa Bruno di San Giorgio a Cremano, Villa Vannucchi di San Giorgio a Cremano.

Il Festival prevede inoltre la realizzazione di una card (OleCard) e di una web app ufficiale – che consentiranno l’accesso gratuito a tutti gli eventi e le attività del Festival nonché la possibilità di usufruire di sconti e agevolazioni presso le strutture e gli esercenti convenzionati, Sarà inoltre trasmesso integralmente in streaming sulla web tv della Ole (www.art-tube.it) ed è previsto, durante il suo svolgimento, la realizzazione di un documentario e la pubblicazione di una Antologia dei lavori pubblicata, in formato cartaceo e digitale, dall’Editore Liguori.
Nei mesi precedenti è stato bandito anche un “contest” aperto ai giovani artisti della letteratura elettronica, al quale hanno partecipato in centinaia e tra i quali una autorevole giuria ha selezionato 10 talenti che potranno esporre le proprie opere ma sopratutto confrontarsi e farsi conoscere a livello internazionale.

L’OLE.01 Festival Internazionale di Letteratura Elettronica è vincitore del POR Fesr 2007/2013 Ob. Op. 1.10 “La cultura come risorsa” DD. 125 del 03/06/2011.
Il Festival è ideato dal Prof. Lello Masucci e promosso dall’associazione culturale Atelier Multimediale, con la collaborazione del Comune di Napoli, dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo e del PAN | Palazzo delle Arti Napoli ed è patrocinato da: Unione Europea, Regione Campania, Comune di Napoli, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio scolastico regionale per la Campania, Comune di San Giorgio a Crema- no, Forum Universale delle Culture di Napoli, Accademia di Belle Arti di Napoli, Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, Instituto Cervantes di Napoli, Institut Français di Napoli e Goethe Institut di Napoli.
Lello Masucci, nasce come pittore, scultore, performer. Partecipa alle avanguardie concettuali del secondo novecento. Dagli anni novanta si interessa di un’arte collegata alle nuove tecnologie, al digitale, alle reti di computer, ad internet. Ricercatore indipendente fonda l’Ole Officina di Letteratura Elettronica. Viene citato come esperto in numerose tesi di laurea sulla Letteratura elettronica e Culture digitali in varie università italiane e straniere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sostenibilità. Cao, ceo di Saipem: “l’economia circolare è un tema rilevante e prioritario”

Sostenibilità. Cao, ceo di Saipem: “l’economia circolare è un tema rilevante e prioritario”

Sostenibilità. Vodafone Italia punta a zero emissioni proprie di gas a effetto serra entro il 2025

Sostenibilità. Vodafone Italia punta a zero emissioni proprie di gas a effetto serra entro il 2025

La sezione premium de ‘Il Sole 24 Ore’, festeggia 1 anno. Al via una serie di iniziative e nuovi contenuti

La sezione premium de ‘Il Sole 24 Ore’, festeggia 1 anno. Al via una serie di iniziative e nuovi contenuti