Arriva a Milano ‘La carta dei diritti delle persone con disabilità in ospedale’

Fondazione Mimmo Castorina onlus per la disabilità grave e Soroptimist International Milano Fondatore promuovono un convegno, patrocinato da Regione Lombardia, dal titolo ‘La carta dei diritti delle persone con disabilità in ospedale. Il punto di partenza per una vera integrazione’, che si tiene il 20 settembre a Milano presso la Sala Biagi del Palazzo Lombardia.

È un documento immaginato e promosso dalla cooperativa sociale Spes contra spem, elaborato da un comitato di esperti del mondo socio-sanitario ed universitario, presentato per la prima volta al Policlinico Agostino Gemelli di Roma nel 2012, che definisce i diritti essenziali alle cure e ad un appropriato trattamento ospedaliero per la persona con disabilità.

La presentazione a Milano della ‘Carta’ rappresenta un momento rilevante nel percorso di diffusione di questo documento, perché proprio nel 2000 a Milano è nata la prima fortunata esperienza di accoglienza medica avanzata per la grave disabilità, con il progetto Dama all’ospedale San Paolo. Un servizio che in 14 anni di attività ha preso in carico più di 5000 persone, provenienti da tutto il territorio nazionale, realizzando più di 40mila percorsi ospedalieri ad elevata complessità. Il suo modello organizzativo rappresenta una piccola rivoluzione culturale che ha anticipato ed accompagnato la nascita della ‘Carta dei diritti’ ed è da tutti riconosciuto come riferimento a livello nazionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, da Mibact  40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Editoria, da Mibact 40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio